"L'emozione è stata tanta sabato - ha detto coach Mauro Serpico -. Guidare la squadra della propria città natale è un qualcosa che non si può spiegare. Contro la Tiber Roma abbiamo fatto tutto noi: vincerla e perderla. Con l'uscita di Dimarco abbiamo perso lucidità. Con lui in campo forse avremmo vinto noi. Le amichevoli ci sono servite per capire

rie B - continua Serpico -.

 In

il livello e in che campionato giocavamo. Sono deluso perché gare come quelle di sabato non possono essere buttate in maniera così scellerata. Addirittura abbiamo raggiunto un vantaggio di nove lunghezze. Ma ripeto con l'uscita del nostro play Dimarco siamo andati in difficoltà. Tessitore non riesce a giocare da play purtroppo. Sono molto dispiaciuto perché in casa non possiamo perdere queste partite". Poi, il tecnico puteolano guarda al prossimo impegno contro il Basket Scauri. "E' una formazione esperta della se casa loro difficilmente perdono, quello a cui dobbiamo puntare anche noi. Essere sconfitti all'esordio fa male ma ringrazio il pubblico che era presente sabato al Pala Errico. Gare contro nostre dirette concorrenti come la Tiber Roma devono essere messe in cassaforte subito. Hanno vinto la gara sui nostri errori con poca lucidità in attacco e negli ultimi minuti. Ma fa già parte del passato ora pensiamo al prossimo match da giocare con la stessa intensità".

"Peccato per la sconfitta di sabato contro la Tiber Roma ma la strada è quella giusta - spiega il capitano Salvatore Errico -. Manca solo quel poco di concentrazione e la capacità mentale di giocare gare così nervose e spigolose. Abbiamo peccato di inesperienza e di lucidità negli ultimi minuti. Un peccato perché abbiamo fatto due break nel corso della gara ma non siamo stati capaci di mantenerli. Per il resto abbiamo dato davvero tutto in campo. Dobbiamo solo rammaricarci sulla concentrazione che è mancata proprio nella parte finale. Abbiamo tenuto testa però per gran parte della partita e non ci siamo mai abbattuti e siamo stati sempre compatti. E' stato un vero peccato perché ci è mancato un soffio per vincere".

Area Comunicazione Virtus Bava Pozzuoli