Mecsan Pall. S. Michele Maddaloni – Fontanavecchia Bk Casapulla 63-65 

 

MECSAN MADDALONI: Spallieri ne, Orefice 15, Papa 5, Ragnino 1, Nastri 2, Cioppa 15, Mormile ne, Verrazzo 8, Filippi 15, Della Peruta 2. All. Gentile

FONTANAVECCHIA CASAPULLA: Lillo G. 4, Delli Paoli 1, Pavone 24, Avella 4, D’Addio, Minutillo ne, Olivetti 9, Borrelli ne, Maiello, Lillo L. 6, Nacca 17, Del Prete. All. Monteforte

ARBITRI: Belprato e Morra di Napoli.

PARZIALI: 16-18, 34-32, 46-49.

La Fontanavecchia Casapulla inaugura nel migliore dei modi il torneo di serie C Gold, sbancando 63-65 il campo della Mecsan Maddaloni ed il PalaAngioni-Caliendo è terra di conquista per il secondo anno in fila nel derby di Terra di Lavoro.

I rientri in casa gialloviola ridanno una marcia in più alla giovanissima truppa di coach Francesco Monteforte, al cospetto di un avversario di caratura superiore, seppur con qualche defezione pesante. L’avvio è tutto di marca casapullese con Nacca, Luca Lillo (tripla) ed Avella che confezionano il primo allungo (2-7 dopo 1’30”). La Pallacanestro S. Michele inizia a prendere le misure in difesa e ci mette tanta intensità, aggrappandosi per lo più ad Orefice in attacco. Il tentativo di rimonta locale è stoppato da una bomba di Pavone (6-11 al 4’), mentre cinque punti di seguito di Olivetti permettono alla Fontanavecchia di doppiare gli avversari (8-16 al 7’). L’ingresso del baby Verrazzo dà nuova linfa ai maddalonesi che risalgono pian piano la china, grazie anche ai secondi tiri conquistati ed alle giocate di esperienza del duo Orefice-Filippi. Dopo il 16-18 di fine primo quarto, la Mecsan grazie ai lunghi Filippi e Verrazzo dilaga fino al 21-18, piazzando un break di 13-2. Un libero di Delli Paoli arresta emorragia offensiva dei viaggianti, troppo imprecisi e frettolosi. In più ci si mette anche la miriade di fischi del fiscalissimo duo in grigio che nel secondo parziale (durato 28’!) sanziona quasi venti penalità ad entrambi i team, spezzettando notevolmente il gioco e mandando in bonus dopo appena tre di giri di lancette ambedue le compagini. Così le squadre attingono a mani basse dal ‘pino’ ed i giovanissimi casapullesi (D’Addio  2002 e Del Prete e Delli Paoli 2000) non sfigurano affatto, mentre sul fronte opposto Papa e Cioppa confezionano il massimo vantaggio interno (28-22 al 14’). La difesa del Casapulla fa acqua, Nacca forza tanto dal perimetro, ma poi aggiusta il tiro e con 4 punti consecutivi riporta a contatto i gialloviola (28-26). Filippi e Verrazzo tengono a distanza i rivali, ma Pavone e Peppe Lillo (4 punti) ristabiliscono la parità a quota 32, prima che un antisportivo fischiato a fil di sirena a Del Prete consenta ad Orefice di archiviare la prima metà sul 34-32.

Filippi resta un rebus irrisolto in avvio di ripresa, ma Avella e Luca Lillo non demordono e ci pensano i traccianti di Pavone e Nacca a cambiare padrone alla sfida, dopo attimi di impasse ed imprecisioni varie (39-43 al 26’). Il Casapulla, però, si ferma sul più bello: Papa e Filippi ricuciono lo strappo (45 pari), ma Olivetti e Nacca riportano a due possessi la dote ospite. Ad 1” dall’ultimo mini-riposo altro fischio su Cioppa, 1/2 e 46-49. Il Maddaloni si gioca il tutto per tutto e piazza un controbreak di 7-0 griffato Filippi-Cioppa-Della Peruta (53-49, -5’55”), la Fontanavecchia non trova più la via del canestro, anche a causa dei continui cambi ed una situazione falli pesante, ma grazie ad un tris di siluri di un Pavone inarrestabile (24 punti e 5 triple), aggancia a quota 55 prima, e 58 poi, i dirimpettai. Cioppa ed Orefice trovano anch’essi il fondo della retina dai 6,75 e a poco più di 2’ dalla fine un antisportivo molto dubbio di Luca Lillo su Cioppa vale il 63-58 per i locali. I biancazzurri ci credono, ma un ‘and one’ di Pavone tiene in vita il Casapulla; dopo un paio di turnover per parte è lo stesso esterno casapullese ad avere la palla del pareggio, in lunetta però il polso stavolta trema ed è 0/2 con 30” sul cronometro. I ragazzi di Gentile però non la chiudono e a 17” dal termine Monteforte disegna una rimessa perfetta: Nacca esce dal blocco siglando il sorpasso dalla grande distanza. Il S. Michele ha ancora una chance, ma Nastri sfonda; a -7” Nacca dalla linea della carità fallisce entrambi i personali, sul secondo Olivetti trova un tap out che vale platino, palla ancora a Nacca ed altro fallo subito. Stavolta il 44 fa 1/2, ma basta perché la preghiera finale di Cioppa non va.

Finisce tra gli applausi dei numerosi supporter giunti dalla cittadina della via Appia e la consapevolezza da parte del sodalizio presieduto da Renzo Lillo di aver disputato una gara ottima con un roster giovanissimo che non ha affatto demeritato.

Michele Falco

Ufficio stampa Basket Casapulla